Cronache degli eventi gramsciani

Torino, 27 aprile 2004

Fondazione Istituto Gramsci onlus
Istituto Piemontese Antonio Gramsci onlus Roma

Con il patrocinio della Città di Torino

GRAMSCI A TORINO, GRAMSCI NEL MONDO
Nel sessantasettesimo anniversario della morte di A. Gramsci

Martedì 27 aprile 2004, ore 17.30-20,00
– Torino

Interventi di

Giuseppe Vacca,
Nuovi spunti per la biografia di Gramsci

Roma, 22 aprile 2004

Sala multimediale del Museo di Roma in Trastevere
PRESENTAZIONE BIBLIOGRAFIA GRAMSCIANA ONLINE

Di Chiara Meta

Venerdì 22 aprile scorso, nella sala multimediale del Museo di Roma in Trastevere, è stata presentata la nuova edizione online della Bibliografia gramsciana dal 1922, a cura di John M. Cammett, Francesco Giasi e Maria Luisa Righi.
L’iniziativa – promossa dalla Fondazione Istituto Gramsci e dalla International Gramsci Society Italia – è stata in primo luogo l’occasione per festeggiare lo storico statunitense, che oltre a essere il primo e principale autore della bibliografia è anche tra i fondatori della IGS.
Di grande interesse, comunque, la presentazione del nuovo, prezioso strumento bibliografico messo a punto grazie alla

27 febbraio 2004

RICORDO DI ANTONIO SANTUCCI

Di Guido Liguori

È morto Antonio A. Santucci, noto studioso e curatore delle opere di Gramsci. Aveva solo 54 anni, era nato il 2 ottobre 1949 a Cava dei Tirreni. Ha combattuto a lungo contro la malattia con le sue armi di sempre, l’understatement e l’ironia, a volte il sarcasmo, il vitalismo innato e lo scetticismo di fondo e una concezione della vita che – ripetendo la parola usata da Togliatti per Gramsci – vorremmo dire «pagana»: del tutto consapevole della nostra finitezza, dei nostri limiti, della felicità parziale che pure è giusto ricercare come dell’importanza delle scelte che quotidianamente ci troviamo di fronte, della coerenza e della consapevolezza che esse richiedono.
Antonio aveva studiato filosofia, dedicandosi dapprima all’illuminismo francese, in particolare a Diderot. Tramite l’amicizia e la collaborazione con Valentino Gerratana era ben presto approdato ai classici del marxismo, aiutando Valentino nella cura dell’epistolario labriolano e curando poi anche un volume delle lettere di Marx ed Engels. Ma

25 settembre 2003

IL NOSTRO SAID

Di Giorgio Baratta

Quando è giunta la notizia della scomparsa di Edward Said, ho pensato: è mancato un compagno, e poi ho pensato: il compagno di Gramsci. Quindici anni fa ci sentivamo tutti compagni. Oggi questa espressione sembra diventata una pura etichetta di partito. Abbiamo rimosso quello slancio, certo eccessivo, ma siamo diventati più poveri.
Ritorno su quella associazione di pensiero. Credo contenga una verità forte.
Said non era marxista, né comunista. Ma la sua impresa intellettuale e politica è una lezione di comportamento comunista, e una metafora del comunismo nel passaggio da un secolo all’altro. Sotto questo riguardo la sua “fonte” è decisamente, se non unicamente Gramsci. L’egemonia – ha detto di sé Said – è stata come una bussola per addentrarsi nel labirinto dell’orientalismo, più tardi per stabilire connessioni e intrecci tra cultura e imperialismo. Egli ha raccolto l’eredità di Gramsci, che aveva raccolto l’eredità di Marx nel passaggio da (quel) secolo all’altro.
C’è un eccesso nella sottolineatura di questi passaggi e in queste analogie? Può darsi. Oggi, in questa epoca ipermoderna ansiosa solo di “novità”, corriamo sempre il

Napoli, 20-21 giugno 2003

DIALOGHI DEL CARCERE – GRAMSCI INCONTRA BENJAMIN

Di Costanza Orlandi

Il 20 e 21 giugno si è svolto a Napoli un convegno di studio dal titolo “Dialoghi del carcere – Gramsci incontra Benjamin”. All’organizzazione della manifestazione, patrocinata dalle istituzioni locali, hanno partecipato congiuntamente i due atenei napoletani (“L’Orientale” e “Federico II”), l’Università di Osnabrück, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Immaginare l’Europa (Network of Institutes, Libraries and Research Centers) e la sezione italiana dell’International Gramsci Society.
Nell’intenzione degli ideatori, Giorgio Baratta, Klaus Garber e Lothar Knapp, il titolo scelto per il convegno rispecchiava l’intento di accostare, in forma di una sorta di “dialogo immaginario”, da una parte la “voce” di Antonio Gramsci e dall’altra quella di un altro pensatore del Novecento che come l’autore dei Quaderni del carcere potesse aiutarci a riflettere sugli aspetti caratterizzanti la cultura europea del secolo che ci siamo appena lasciati alle spalle: nel suo rapporto sia con le epoche passate sia con