Cronache degli eventi gramsciani

 
 iscrizione.jpg

NON DIMENTICATE DI ISCRIVERVI ALLA IGS ITALIA PER IL 2024

Per sostenere le nostre iniziative e la diffusione del pensiero gramsciano. Per avere le nostre pubblicazioni a prezzi scontati.

Quanto costa iscriversi alla IGS Italia per il 2024:
- 50 euro o più (iscrizione sostenitrice);
- 30 euro (iscrizione ordinaria);
- 20 euro (iscrizione studenti).

L’iscrizione alla Igs Italia è annuale.

Ci si può iscrivere alla IGS Italia:
- con un bonifico bancario a favore del conto della IGS Italia, codice IBAN: IT62 C076 0103 2000 0002 5562 331 (Codice BIC/SWITF: BPPIITRRXXX C 07601 03200 000025562331);
- con un versamento di conto corrente postale a favore del conto Bancoposta n. 25562331 intestato a IGS Italia, specificando nella causale “Iscrizione Igs per l’anno 2024” ed eventualmente il libro che si intende ricevere;
- in occasione delle nostre iniziative.

LIBRI. L’iscrizione dà diritto a usufruire degli sconti per le nostre pubblicazioni fino a esaurimento scorte:
- Gramsci in inglese. Joseph A. Buttigieg e la traduzione del prigioniero, a c. di S. Cingari e E. Terrinoni (20 euro invece di 26);;
- Dizionario gramsciano 1926-1937, a c. di G. Liguori e P. Voza (45 euro invece di 85);
- A. Gramsci, La «Storia d’Europa di Croce e il fascismo», a c. di F. Frosini (10 euro invece di 14);
- Rivoluzione passiva. Antologia di studi gramsciani, a cura di M. Modonesi (15 euro invece di 22);
- Valentino Gerratana filosofo democratico, a c. di E. Forenza e G. Liguori (10 euro invece di 17.50);
- Domande sul presente. Studi su Gramsci, a cura di L. Durante e G. Liguori (10 euro invece di 18);

I volumi saranno inviati in “piego di libri” e senza ulteriori spese unicamente ai residenti in Italia.

Gli acquirenti dei libri sono pregati di trasmettere all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. l'attestazione del versamento effettuato e di comunicare titoli dei volumi e indirizzo a cui riceverli.

24-25 settembre 2015
CALL FOR PAPERS
GRAMSCI, I PARTITI E LA CRISI DELLA DEMOCRAZIA: UN DIBATTITO SUL NOSTRO PRESENTE

International Gramsci Society Italia
Fondazione Gramsci di Puglia
CRS - Centro per la Riforma dello Stato
Università degli Studi di Bari Aldo Moro
Università del Salento
Centro Interuniversitario di ricerca per gli studi gramsciani
Dipartimento Storia Società Studi sull'Uomo

L’opera gramsciana è stata negli ultimi decenni oggetto d’analisi in una pluralità di ambiti scientifico-disciplinari ed ha animato l’interesse di comunità di studiosi di tutto il mondo. Come sostiene Stuart Hall Gramsci non può indicarci la via per risolvere i tanti puzzle del presente, ma è utile per porre i giusti interrogativi. Con questo spirito

IN MEMORIA DI CARLOS NELSON COUTINHO
 
Articoli pubblicati su Critica Marxista
Vi segnaliamo due articoli pubblicati su "Critica marxista", nn. 3-4, 2013:
Coutinho, un maestro alla scuola di Gramsci di Giovanni Semeraro
La democrazia come valore universale di Carlos Nelson Coutinho
 
Seminario Tra Brasile e Europa: file audio e relazioni
Il 18 ottobre 2013 presso l'Aula Verra della Facoltà Lettere e Filosofia di Università Roma Tre si è tenuto il seminario a cura della IGS Italia
Tra Brasile ed Europa. In ricordo di Carlos Nelson Coutinho.

Di Marco Berlinguer

Revisionismi I «falsi scoop» su Gramsci Articolo di Marco Berlinguer Gramsci conteso. Gramsci contuso. Avrebbe potuto intitolarsi così la giornata di studi organizzata dalla International Gramsci Society italiana, presso la Fondazione Basso. Il titolo era invece Gramsci e Revisionismo storico. L’occasione è stata provocata dall’uscita nel 2012 di una serie di libri e articoli che hanno riacceso il dibattito sul grande pensatore sardo e tra i gramsciologi italiani. La polemica è iniziata con il libro di Franco Lo Piparo (I due carcere di Gramsci, Donzelli), che ha riproposto vecchie e indimostrate accuse a Togliatti. Non avrebbe voluto salvare il compagno dal carcere e inoltre avrebbe distrutto uno dei suoi quaderni del carcere: il “famoso quaderno scomparso”, derubricato a semplice ‘chiacchiera’ priva di fondamento da molti dei maggiori studiosi gramsciani. La disputa si è poi infiammata dopo un pamphlet di Alessandro Orsini (Gramsci e Turati. Le due sinistre, Rubbettino) – recensito da Roberto Saviano su Repubblica – nel quale

Roma, 18-19 novembre 2010

Di Manuela Ausilio

Si è svolto a Roma il 18 e 19 novembre nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università Roma Tre, un convegno di studi in memoria di un importante esponente del pensiero politico italiano, Valentino Gerratana, a dieci anni dalla sua morte. Essenzialmente noto per aver curato nel 1975 l'edizione critica dei Quaderni del carcere di Gramsci, Gerratana fu in realtà uno studioso politicamente appassionato e uomo politico di estrema cultura. Merito di questo convegno è stato l'aver messo in luce tanto l'impegno politico e morale di un uomo quanto l'eclettismo, la vivacità intellettuale e la serietà di un pensatore troppo poco conosciuto in fin dei conti, la molteplicità variopinta dei suoi contributi scientifici e la continuità e coerenza del suo impegno, politico ed intellettuale.
Il convegno è stato organizzato dalla International Gramsci Society-Italia – di cui Gerratana fu co-fondatore nel 1996, assieme ad Aldo Tortorella, Giorgio Baratta e Guido